Comunicato stampa

RISULTATI DELL’OFFERTA IN OPZIONE DI AZIONI ORDINARIE SPAXS EX ART. 2437-QUATER C.C.

Milano, 5 ottobre 2018 – SPAXS S.p.A. (“SPAXS”) comunica che lo scorso 4 ottobre si è conclusa l’offerta in opzione avente ad oggetto n. 5.090.851 azioni ordinarie della Società per le quali è stato esercitato il diritto di recesso (le “Azioni”) a seguito delle delibere dell’Assemblea Straordinaria dell’8 agosto 2018, che hanno approvato, inter alia, le modifiche dello Statuto di SPAXS finalizzate al perfezionamento della Business Combination con Banca Interprovinciale S.p.A. Nell’ambito di tale offerta sono state assegnate, per effetto dell’esercizio dei diritti di opzione e dei connessi diritti di prelazione, n. 722.948 Azioni per un controvalore complessivo di Euro 7.229.480,00 calcolato sulla base del valore di liquidazione unitario di Euro 10,00, determinato in conformità all’art. 2437-ter, co. 2, c.c. e al paragrafo 8.3, dello statuto di SPAXS in vigore alla data dell’Assemblea.

Anche nell’ottica di valorizzare al massimo le risorse a disposizione della banca per lo sviluppo del proprio Piano Strategico, è intenzione di SPAXS offrire a terzi le azioni rimaste inoptate ai sensi dell’art. 2437-quater, comma 4, c.c., attività che si prevede si possa concludere nel mese di ottobre 2018.

Al termine di tale procedimento, SPAXS comunicherà il quantitativo di azioni oggetto di recesso che dovessero residuare, le quali saranno rimborsate e annullate dalla Società. Si procederà quindi, per il tramite dei rispettivi intermediari, al pagamento del valore di liquidazione delle Azioni a ciascun azionista di SPAXS che abbia esercitato il diritto di recesso, così come al trasferimento (e relativo pagamento) delle Azioni assegnate nell’ambito dell’offerta in opzione, prelazione e del collocamento presso terzi.

Si ricorda che a valere sulle azioni di SPAXS in circolazione alla data di liquidazione delle azioni oggetto di recesso (fatta eccezione per le nuove azioni emesse in data 20 settembre 2018 in esecuzione dell’aumento di capitale riservato ad alcuni ex azionisti di Banca Interprovinciale S.p.A.) saranno assegnati gratuitamente gli ulteriori Diritti di Assegnazione nel numero di 4 diritti ogni n. 10 azioni ordinarie di SPAXS possedute.

Le modalità e i termini del collocamento, così come i risultati dello stesso, la data di pagamento del valore di liquidazione delle azioni oggetto di recesso, di trasferimento delle azioni assegnate nell’ambito dell’offerta e di attribuzione dei Diritti di Assegnazione, nonché la data di valuta, saranno tempestivamente comunicati da SPAXS mediante pubblicazione di appositi comunicati stampa diffusi attraverso il Sistema SDIR-NIS e pubblicati sul sito internet della Società (www.spaxs.it).

Si ricorda infine che, decorso il 7° giorno di borsa aperta successivo alla data di liquidazione di cui sopra, la prima tranche di azioni speciali di SPAXS (pari al 20% delle medesime) sarà convertita in azioni ordinarie. La conversione della seconda tranche di azioni speciali, pari all’80% delle medesime, avverrà invece solo al verificarsi della condizione che, entro il termine di 48 mesi successivi alla data di efficacia della Business Combination, il prezzo medio delle azioni ordinarie sia maggiore o uguale a Euro 15 per azione per almeno 22 giorni consecutivi di borsa aperta. Si ricorda altresì che le azioni ordinarie rinvenienti dalla conversione di entrambe le tranche di azioni speciali sono soggette ad un periodo di lock-up della durata di 12 mesi.

Per ulteriori informazioni:

Investor Relations
Silvia Benzi
[email protected]
cell. +39 349 7846537
www.spaxs.it

Ufficio stampa: Ad Hoc Communication Advisors
Mario Pellegatta +39 335.303624 [email protected]
Sara Balzarotti +39 335.1415584 [email protected]

Nomad: Banca IMI S.p.A.
[email protected]

Scarica il comunicato stampa completo da qui

Il presente comunicato stampa non è per pubblicazione o distribuzione, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada e Giappone. Il presente comunicato stampa non è un’offerta di vendita di strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada e Giappone. Gli strumenti finanziari ai quali si fa riferimento nel presente comunicato non sono stati, e non saranno, registrati ai sensi dello United States Securities Act del 1933, come modificato, e non possono essere offerti o venduti negli Stati Uniti d’America, salvo che nel rispetto di un’esenzione che risulti applicabile. Non si sta effettuando alcuna offerta pubblica di strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America o in altre giurisdizioni.