Comunicato stampa

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SPAXS S.P.A. APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2018

  • Patrimonio netto pari a circa 614,5 milioni di Euro

  • Posizione finanziaria netta positiva per circa 613,5 milioni di Euro

Nel primo semestre Spaxs ha identificato la società Target avviando, in linea con la tempistica prevista, il processo che porta alla nascita di illimity

Dopo la chiusura del semestre, SPAXS ha accelerato l’esecuzione della Business Combination che è stata approvata dall’Assemblea degli Azionisti l’8 agosto e si è perfezionata lo scorso 20 settembre

Milano, 28 settembre 2018 – Il Consiglio di Amministrazione di SPAXS S.p.A. (“SPAXS”), riunitosi in data odierna, ha approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2018, redatta ai sensi del Regolamento Emittenti AIM Italia ed in conformità ai principi contabili italiani.

SPAXS è una Special Purpose Acquisition Company costituita il 20 dicembre 2017, le cui azioni e Diritti di Assegnazione sono negoziate dal 1° febbraio 2018 su AIM Italia – Mercato Alternativo del Capitale, organizzato e gestito da Borsa Italiana. Nel primo semestre 2018 la società ha avviato la propria operatività e, in attuazione del proprio scopo sociale, l’attività del management si è focalizzata sulla ricerca e selezione della società Target con cui realizzare la Business Combination. Lo scorso 12 aprile SPAXS ha quindi sottoscritto un accordo finalizzato all’acquisizione di una partecipazione di maggioranza in Banca Interprovinciale S.p.A. (la “Banca”), istituto bancario attivo dal 2009 nel segmento delle PMI con un totale attivo di circa 1 miliardo di Euro e un patrimonio netto di circa 60 milioni di Euro al 31 dicembre 2017.

Obiettivo della Business Combination con Banca Interprovinciale è la nascita di un nuovo modello di banca, fortemente innovativa e specializzata: i) nel credito alle PMI ad alto potenziale, ma con una struttura finanziaria non ottimale e/o con rating basso o senza rating, incluso il segmento delle PMI non-performing (Unlikely-To-Pay); ii) nell’acquisto e gestione di portafogli di NPL corporate– garantiti e non garantiti; iii) nell’offerta di servizi di banca diretta digitale a famiglie e imprese. La futura denominazione della nuova banca sarà illimity.

Coerentemente con le proprie caratteristiche di SPAC, nel periodo in esame SPAXS non ha quindi generato ricavi e ha conseguentemente registrato un risultato negativo per circa 3,5 milioni di Euro prevalentemente riconducibile a costi per servizi. Al 30 giugno 2018, il patrimonio netto è pari a circa 614,5 milioni di Euro e la posizione finanziaria netta è positiva per circa 613,5 milioni di Euro.

Trattandosi del primo resoconto intermedio, non è possibile effettuare una comparazione dei risultati con il primo semestre del precedente esercizio.

***

Con riferimento ai fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura del primo semestre 2018, si ricorda che in data 20 luglio 2018 il management di SPAXS ha presentato alla comunità finanziaria il Piano Strategico 2018-2023 della nuova banca che nascerà dalla Business Combination con Banca Interprovinciale.

In data 3 agosto 2018 le competenti Autorità di Vigilanza (BCE e Banca d’Italia) hanno rilasciato l’approvazione all’operazione e lo scorso 8 agosto 2018 si è svolta l’Assemblea degli Azionisti di SPAXS che ha approvato, con voti favorevoli pari ad oltre il 72% del capitale sociale ordinario, la Business Combination con Banca Interprovinciale.

Tale operazione si è perfezionata lo scorso 20 settembre 2018 attraverso l’acquisto da parte di SPAXS di circa il 99,2% del capitale sociale di Banca Interprovinciale, realizzato in contanti per circa 44,7 milioni di Euro (pari a circa il 79,9% del capitale sociale della Banca) e, per la restante parte, mediante conferimento in SPAXS di azioni della Banca rappresentanti circa il 19,3% del capitale sociale.

All’acquisizione seguirà la fusione tra SPAXS e Banca Interprovinciale, con l’obiettivo di chiedere l’ammissione all’MTA di Borsa Italiana al ricorrere delle condizioni e con i tempi tecnici necessari.

La nuova Banca ha già avviato la propria operatività nel settore dei crediti non-performing perfezionando lo scorso 21 settembre 2018 l’acquisto di un portafoglio composto prevalentemente da posizioni corporate garantite dal valore nominale di 155 milioni di Euro. Nella giornata di ieri è stato perfezionato l’acquisto di un ulteriore portafoglio composto da posizioni corporate, per il 30% garantite, del valore nominale di Euro 263 milioni. L’operazione, realizzata off-market sul mercato secondario, porta quindi a 418 milioni di Euro il valore nominale dei crediti non performing detenuti oggi dalla Banca.

Si ricorda infine che è attualmente in corso l’Offerta in Opzione delle azioni oggetto di recesso (pari a 8,48% circa del capitale sociale ordinario) concesso, come da previsioni statutarie, agli azionisti che non avessero concorso alla delibera assembleare dell’8 agosto.

***

La relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2018 sarà messa a disposizione del pubblico nei termini e secondo le modalità previste dal Regolamento Emittenti AIM Italia e pubblicata sul sito internet della Società www.spaxs.it alla Sezione “Investor Relations/Relazioni finanziarie”.

Per ulteriori informazioni:

Investor Relations
Silvia Benzi
[email protected]
cell. +39 349 7846537
www.spaxs.it

Ufficio stampa: Ad Hoc Communication Advisors
Mario Pellegatta +39 335.303624 [email protected]
Sara Balzarotti +39 335.1415584 [email protected]

Nomad: Banca IMI S.p.A.
[email protected]

Scarica il comunicato stampa completo da qui

Il presente comunicato stampa non è per pubblicazione o distribuzione, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada e Giappone. Il presente comunicato stampa non è un’offerta di vendita di strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada e Giappone. Gli strumenti finanziari ai quali si fa riferimento nel presente comunicato non sono stati, e non saranno, registrati ai sensi dello United States Securities Act del 1933, come modificato, e non possono essere offerti o venduti negli Stati Uniti d’America, salvo che nel rispetto di un’esenzione che risulti applicabile. Non si sta effettuando alcuna offerta pubblica di strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America o in altre giurisdizioni.