Comunicato stampa

DEPOSITO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO E DI AMMISSIONE A QUOTAZIONE SUL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO

Milano, 30 novembre 2018 – SPAXS S.p.A. e Banca Interprovinciale S.p.A. comunicano che in data odierna è stata depositata in Consob la richiesta di autorizzazione alla pubblicazione del prospetto informativo relativo all’ammissione alle negoziazioni sul Mercato Telematico Azionario (MTA) organizzato e gestito da Borsa Italiana, delle azioni ordinarie e dei diritti di assegnazione di illimity, quale società risultante dalla prospettata fusione per incorporazione di SPAXS in Banca Interprovinciale.

Contestualmente è stata presentata in Borsa Italiana la domanda di ammissione alla quotazione di tali strumenti finanziari sull’MTA, nonché la domanda di revoca dalle negoziazioni su AIM Italia degli strumenti finanziari di SPAXS che si verificherà nel contesto della fusione e quotazione di illimity.

Si ricorda che la quotazione sull’MTA completerà il processo di Business Combination avviato da SPAXS lo scorso aprile con la sottoscrizione dell’accordo che ha portato all’acquisto di circa il 99,2% del capitale sociale di Banca Interprovinciale, operazione già approvata dall’Assemblea di SPAXS dell’8 agosto scorso e perfezionata lo scorso 20 settembre.

Per ulteriori informazioni:

Investor Relations
Silvia Benzi
[email protected]
cell. +39 349 7846537
www.spaxs.it

Ufficio stampa: Ad Hoc Communication Advisors
Mario Pellegatta +39 335.303624 [email protected]
Sara Balzarotti +39 335.1415584 [email protected]

Nomad: Banca IMI S.p.A.
[email protected]

Scarica il comunicato stampa completo da qui

Il presente comunicato stampa non è per pubblicazione o distribuzione, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada e Giappone. Il presente comunicato stampa non è un’offerta di vendita di strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada e Giappone. Gli strumenti finanziari ai quali si fa riferimento nel presente comunicato non sono stati, e non saranno, registrati ai sensi dello United States Securities Act del 1933, come modificato, e non possono essere offerti o venduti negli Stati Uniti d’America, salvo che nel rispetto di un’esenzione che risulti applicabile. Non si sta effettuando alcuna offerta pubblica di strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America o in altre giurisdizioni.